Software APE Certificazione Energetica Regionale Lombardia Piemonte Emilia Romagna Liguria


La certificazione energetica
secondo le norme regionali ha il suo punto di riferimento

Modulo aggiuntivo di TerMus

Regione Lombardia Regione Piemonte Regione Emilia Romagna Regione LiguriaProvincia di trento


TerMus-NR è la soluzione semplice e conveniente per procedere alle verifiche delle prestazioni energetiche e alla certificazione degli edifici seguendo le norme emanate in materia da:
  • Regione Lombardia
  • Regione Piemonte
  • Regione Liguria
  • Regione Emilia Romagna.
  • Provincia di Trento

TerMus-NR è disponibile anche in versione Light come modulo aggiuntivo di TerMus CE (TerMus-NR LT).

Funzionalità

  • Verifiche secondo le richieste del D.D.G. 11/06/2009, n. 5796 e del D.G.R. 22/12/2008, n. 8745
  • Riepilogo dei risultati ottenuti
  • Relazione Tecnica ex Legge 10/91
  • Esportazione/importazione .XML con CENED+
  • Schede relative agli elementi disperdenti (muri, finestre, etc.) da allegare alla relazione tecnica
  • Su richiesta dell’utente, apposite stampe con tutti i risultati del calcolo.

Riferimenti normativi

  • D.D.G. 11/06/2009, n. 5796
  • D.G.R. 22/12/2008, n. 8745

TerMus-NR [LOMBARDIA] è compatibile con l’ultima versione del CENED+.

Funzionalità

  • Calcolo dei tre indicatori energetici dell’immobile necessari alla redazione dell’ACE con riferimento alla sua localizzazione reale, alla localizzazione teorica nel comune di Torino e alla normativa nazionale
  • Calcolo per le prestazioni energetiche e per la certificazione dell'edificio oppure, in alternativa, per la sola certificazione
  • Report di stampa per l’inserimento rapido, veloce e guidato dei valori nel sito del SICEE, il Sistema Informativo per Certificazione Energetica degli Edifici in Piemonte
  • Esportazione dei dati in fomato .XML per il SICEE
  • Valutazione del beneficio energetico derivante dall’utilizzo di fonti rinnovabili

Riferimenti normativi

  • L.R. 28/05/2007, n. 13
  • D.G.R. 4/08/2009, n. 43-11965
  • D.G.R. 4/08/2009, n. 46-11968

TerMus-NR [Piemonte] segue le indicazioni contenute nella "Guida all'utilizzo del Sistema Informativo per Certificazione Energetica degli Edifici" (SICEE - (Rev. del 2 novembre 2011).

  • Progetto e verifica con disegno ad oggetti
  • Esportazione di file .XML compatibile con la procedura CELESTE
  • Valutazione del beneficio energetico derivante dall’utilizzo di fonti rinnovabili
  • Relazione Tecnica ex Legge 10/91

Riferimenti normativi

  • Legge Regionale 21 giugno 1999, n. 18
  • Legge Regionale 9 maggio 2007, n. 22
  • Legge Regionale 24 novembre 2008, n. 42
  • Regolamento Regionale 22 gennaio 2009, n. 1
  • Regolamento Regionale 13 novembre 2012, n. 6
  • Calcoli secondo le UNI 11300-1 e 2 come richiesto dalla normativa regionale
  • Potenti funzionalità di diagnostica degli eventuali errori presenti
  • Riepilogo dei risultati di calcolo
  • Relazione Tecnica ex Legge 10/91
  • Stampa delle schede relative agli elementi disperdenti (muri, finestre, etc.) da allegare alla relazione tecnica
  • Su richiesta dell’utente, apposite stampe con tutti i risultati del calcolo.
  • Calcolo per le prestazioni energetiche e la certificazione dell'edificio oppure, in alternativa, per la sola certificazione
  • Compilazione dell'Attestato di Qualificazione Energetica previsto dalla D.A.L. n.156/2008
  • Report per l'A.C.E. contenente tutti i dati da riportare sul sito del SACE redatto secondo l'apposita Guida (Rev. 6 del 25 luglio 2011), compreso i dati per la Verifica Preliminare
  • Esportazione dei dati in fomato .XML per il SACE
  • Valutazione del beneficio energetico derivante dall’utilizzo di fonti rinnovabili (Rev. 03 del 17 maggio 2013)

Riferimenti normativi

  • D.A.L. 4/03/2008, n. 156
  • Guida SACE (Rev. 6 del 25/07/2011)
  • D.G.R. 21/09/2009, n. 1390
  • D.G.R. 20/09/2010, n. 1362
  • D.G.R. 26/09/2011, n. 1366

Funzionalità

A partire dal 14 luglio 2010, per nuove costruzioni (o demolizione e ricostruzione, o ristrutturazioni totali o ampliamenti maggiori del 20%), la redazione del certificato (e la consegna contestuale alla dichiarazione di ultimazione dei lavori) è obbligatoria pena la perdita di efficacia della dichiarazione stessa (per le compravendite è invece richiesto l'attestato di certificazione energetica secondo le norme nazionali come disposto dal D.G.P. 17 giugno 2010, n. 1429).

Secondo l'articolo 4 del D.P.P. n. 5-80/Leg del 15/3/2012 (che modifica l'articolo 5 del D.P.P. 13 luglio 2009 n. 11-13/Leg) anche per compravendite e locazioni, bisogna redarre l'ACE secondo i criteri previsti dalla normativa provinciale.

  • Calcoli secondo le UNI 11300-1 e 2 come integrato dalla normativa provinciale
  • Potenti funzionalità di diagnostica degli eventuali errori presenti
  • Riepilogo dei risultati di calcolo
  • Relazione Tecnica ex Legge 10/91
  • Stampa delle schede relative agli elementi disperdenti (muri, finestre, etc.) da allegare alla relazione tecnica
  • Su richiesta dell’utente, apposite stampe con tutti i risultati del calcolo
  • Valutazione del beneficio energetico derivante dall’utilizzo di fonti rinnovabili
  • Verifiche secondo il D.P.P. 13/07/09, n. 11-13/Leg e s.m.i.
  • Redazione automatica del certificato energetico secondo i modelli allegati al D.G.P. 22/12/09 , n. 3110

Riferimenti normativi

  • Legge provinciale 4 marzo 2008, n. 1
  • D.P.P. 13 luglio 2009, n. 11-13/Leg
  • D.G.P. 16 ottobre 2009, n. 2446
  • D.G.P. 22 dicembre 2009, n. 3110
  • D.G.P. 17 giugno 2010, n. 1429