FacTus-PA - Fattura e FatturaPA elettronica

Fattura e FatturaPA elettronica

Scarica GRATIS il software

Fai e gestisci GRATIS le fatture cartacee,
paghi solo se fai FatturePA e Conservazione

 

Guarda il video anteprima

Scarica GRATIS il software e fai GRATIS le tue fatture cartacee... Scarica il software

Factus-PA è il software per la redazione di Fatture cartacee e di Fatture elettroniche per la Pubblica Amministrazione (FatturaPA).

 

Input guidato
dei dati

Compilazione step by step, accesso ad anagrafiche e archivi di documenti già predisposti
 

Riepiloghi
e fatturato sempre a vista

Riepilogo mensile, trimestrale ed annuale degli importi; Fatturato imponibile sempre a vista.

Serie Base e Serie PA

Gestione di due serie separate per fatture cartacee (Serie BASE) ed elettroniche (SeriePA)
 

FatturaPA

Emissione di fatture elettroniche il formato XML in numero illimitato con abbonamento annuale

Conservazione sostitutiva

Generazione del pacchetto di archiviazione con estensione CSV e redazione del Manuale di Conservazione
 

Firma digitale

Riconoscimento del file XML generato, lettura dei dati e visualizzazione del contenuto del file firmato digitalmente (.p7m).

Imposta di Bollo virtuale

Calcolo secondo le indicazioni del D.M. 17 giugno 2014
 

Help Reminder

Tutte le istruzioni necessarie per la verifica, la firma, la trasmissione, la conservazione sostitutiva
Con FacTus-PA hai lo strumento professionale ed economico per redigere e gestire le fatture da emettere nei confronti di tutte le P.A. secondo le nuove disposizioni normative:
  • numero illimitato di Fatture Elettroniche in formato FatturaPA
  • conservazione sostituiva
  • gestione di serie separate per fatture cartacee ed elettroniche
  • calcolo automatico dell’imposta di Bollo Virtuale

Con la sicurezza di avere software e archivio sul tuo PC.

 

 

Funzioni di base


Input guidato

La compilazione dei documenti è guidata ed è possibile accedere ad archivi di anagrafica o cominciare da documenti già predisposti in precedenza, da duplicare e modificare secondo le specifiche esigenze.




Riepiloghi e fatturato sempre a vista

Per semplificare i versamenti IVA e previdenziali è previsto il riepilogo mensile, trimestrale ed annuale degli importi. Il calcolo degli importi è effettuato considerando le aliquote previdenziali, l'eventuale ritenuta d’acconto e tutte le percentuali che modificano l’onere desunto dalla parcella professionale, dall’offerta o dal consuntivo spese.

FacTus-PA offre sempre a vista il fatturato imponibile e grazie a specifiche anagrafiche consente la redazione automatica di fatture personalizzate e professionali.

Inoltre, dall'anteprima di stampa FacTus-PA consente di stampare ed esportare nei formati Word, HTML, PDF, etc. i vari elaborati e report.








Funzioni per la Fatturazione Elettronica


Serie Base e Serie PA

FacTus-PA consente di gestire due serie separate, ognuna con la propria numerazione, per l’emissione delle fatture cartacee (Serie BASE) ed elettroniche per la pubblica amministrazione “FatturaPA” (SeriePA).




FatturaPA

FacTus-PA compila in maniera guidata la fattura elettronica nel formato XML (unico accettato) su cui deve essere apposta la “Firma digitale”. L'attivazione dell'abbonamento annuale consente di emettere fatture elettroniche in numero illimitato.




FacTus




Conservazione sostitutiva (Fatture Serie PA)

FacTus-PA genera il “pacchetto di archiviazione” con estensione CSV (leggibile, ad esempio, con Excel), su cui deve essere apposta la “Marca temporale” e la “Firma digitale” (adempimento obbligatorio per la conservazione a norma di legge delle fatture elettroniche).







Redazione del Manuale di Conservazione

FacTus-PA permette di compilare il Manuale di Conservazione richiesto dalla normativa partendo dal modello già contenuto nel software.

 

Firma digitale

FacTus-PA riconosce ed informa immediatamente dello stato (firmata/NON firmata) del file XML generato, legge i dati della “Firma digitale” apposta e visualizza il contenuto del file FatturaPA firmato digitalmente (.p7m). L'attivazione dell'abbonamento annuale consente di emettere fatture elettroniche in numero illimitato.




Imposta di Bollo virtuale

FacTus-PA gestisce i bolli virtuali secondo le indicazioni del D.M. 17 giugno 2014 calcolando l’importo totale da pagare nei tempi e nei modi previsti dalla normativa vigente.




Help Reminder

Un Help Reminder offre all'utente le istruzioni necessarie per:

  • la visualizzazione della FatturaPA da spedire;
  • la verifica della correttezza formale della FatturaPA;
  • l'apposizione della “Firma digitale”;
  • la trasmissione della FatturaPA;
  • la conservazione sostitutiva del pacchetto di FatturePA.

Attivazione del software

L'attivazione del software (richiesta dopo il download) consente di emettere fatture cartacee gratuitamente.

 

Requisiti

Il PC su cui è installato il software dovrà essere sempre connesso ad internet.

 

Servizi in abbonamento

Per emettere fatture elettroniche (FatturaPA) è richiesto un abbonamento.

 

 

L'abbonamento:

  • può essere acquistato in qualsiasi momento (es.: all'atto dell'emissione di una fattura) solo on line con carta di credito
  • ha una durata annuale (a partire dalla data di pagamento)
  • ha un costo per una durata annuale dall'emissione della prima FatturaPA di 59€ (particolari agevolazioni sono previste per la gestione di più Partite IVA; ulteriori dettagli sono disponibili nella Home del Programma)

Il servizio in abbonamento NON si rinnova tacitamente ma dovrà essere rinnovato dal cliente di anno in anno. Non è necessario rinnovare il servizio entro il termine di scadenza; se il servizio è scaduto, si può attendere l’emissione della prima Fattura PA per rinnovarlo.

 

La scadenza sarà calcolata a partire dalla data di rinnovo. Alla scadenza del servizio in abbonamento, non sarà più possibile emettere nuove FatturePA, mentre saranno attive le altre funzioni di gestione delle fatture elettroniche (conservazione sostitutiva, calcolo bolli, ecc.).

 

Assistenza e Servizi on line

Gli utenti del software possono accedere liberamente ai seguenti servizi on line:

 

  • Video Tutorial on line
    Una piattaforma interattiva per imparare velocemente ad usare il software, con i problemi più frequenti risolti mediante appositi video
  • Forum
    Uno spazio virtuale dedicato allo scambio di esperienze, al confronto e alla discussione.
  • Help su internet
    Un motore di ricerca per trovare le soluzioni nel Video Tutorial e nel Forum.

 

Norme e scadenze

La Legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Finanziaria 2008) ha stabilito che tutti i fornitori di beni e servizi alla Pubblica Amministrazione debbano fatturare esclusivamente in formato elettronico attraverso il Sistema di Interscambio.

L’obbligo di fatturazione elettronica scatta:

  • il 6 giugno 2014 per cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate da imprese e da liberi professionisti nei confronti di Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti nazionali di previdenza e di assistenza sociale
  • il 31 marzo 2015 per tutte le altre amministrazioni pubbliche

Trascorsi tre mesi dalla decorrenza dell’obbligo di fatturazione elettronica, le pubbliche amministrazioni non potranno procedere ad alcun pagamento, nemmeno parziale, sino all’invio delle fatture in formato elettronico.
Il Decreto Ministeriale 3 aprile 2013, n. 55 ha stabilito le regole in materia di emissione, trasmissione e ricevimento della fattura elettronica e ne definisce il formato.
Il D.P.C.M. 3 dicembre 2013 e il D.M. 17 giugno 2014 hanno stabilito le regole per l’emissione e la conservazione dei documenti rilevanti ai fini fiscali.

FatturaPA e Sistema di Interscambio

La sola tipologia di fattura elettronica accettata dal Sistema di Interscambio è la FatturaPA.

La FatturaPA ha le seguenti caratteristiche:

  • è un file XML da generare secondo le regole univoche definite dal Sistema di Interscambio
  • l’autenticità della sua origine e l’integrità del suo contenuto sono garantite tramite l’apposizione della firma digitale qualificata di chi emette la fattura
  • la sua trasmissione è vincolata alla presenza del codice identificativo univoco dell’ufficio destinatario della fattura riportato nell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni

Il Sistema di Interscambio effettua, su ogni file FatturaPA ricevuto, una serie di controlli formali che, se non superati, portano allo scarto del file e all’invio al trasmittente di una notifica di scarto. Una volta superati i controlli previsti, il Sistema di Interscambio provvede ad inoltrare la fattura all’ufficio competente, identificato tramite il codice univoco riportato nella fattura medesima.

Conservazione sostitutiva

Le FatturePA, in quanto fatture elettroniche, devono essere sottoposte a conservazione in modalità elettronica come previsto dalla vigente normativa.

 

Per rendere omogenea la conservazione delle FatturePA è necessario generare un’apposita “SERIE” di fatture (numerate progressivamente con una distinta serie numerica in ordine cronologico, senza soluzione di continuità per il periodo d’imposta) da registrare su apposito registro IVA sezionale.

 

Il processo di conservazione delle FatturePA termina con la creazione di un “Pacchetto di Archiviazione” che consiste nella generazione di un file XML (leggibile, ad esempio, con Excel) contenente i dati necessari alla ricerca (nome, cognome, denominazione, numero e data fattura, ecc.) nonché un file XML di chiusura contenente l’HASH dei file relativi alle FatturePA emesse per il periodo d’imposta.

 

Al detto file di chiusura del “Pacchetto di Archiviazione” deve essere apposta la “Marca Temporale” e la Firma Digitale.

Gli enti interessati

FatturaPA riguarda circa 2 milioni di aziende fornitrici della Pubblica Amministrazione; sono circa 60 milioni le fatture scambiate all’anno con la P.A. per un volume di fatturato totale pari a 135 miliardi di euro.
Dal 6 giugno la fatturazione elettronica è obbligatoria per i fornitori dei seguenti enti:

  • Organi costituzionali e di rilievo costituzionale
  • Presidenza del Consiglio dei Ministri e Ministeri
  • Agenzie fiscali (Agenzia del Demanio, Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Agenzia delle Entrate)
  • Enti di regolazione dell’attività economica (AIFA, Agenzia per l’Italia digitale, Ente nazionale per il micro credito, ecc.)
  • Enti produttori di servizi economici (Agenzia nazionale per il turismo, Anas S.p.A., Ente nazionale per l’aviazione civile, Ente nazionale risi, Fondo innovazione tecnologica, Gruppo Equitalia, ecc.)
  • Autorità amministrative indipendenti (Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca, AGCOM, AEEG, Garante per la protezione dei dati personali, ecc.)
  • Enti a struttura associativa (ANCI, UNIONCAMERE, ecc.)
  • Enti produttori di servizi assistenziali, ricreativi e culturali (Accademia della Crusca, Coni, CRI, ecc.)
  • Enti e Istituzioni di ricerca (ENEA, ISTAT)
  • Istituti zooprofilattici sperimentali

Dal 31 marzo 2015 l'obbligo riguarderà tutte le altre amministrazioni pubbliche e locali.