Certificazione Energetica Provincia di Trento

TerMus supporta la certificazione energetica e la verifica delle prestazioni energetiche secondo le norme specifiche per la Provincia di Trento.

Il software è allineato alle seguenti norme provinciali:
  • Legge provinciale 4 marzo 2008, n. 1
  • D.P.P. 13 luglio 2009, n. 11-13/Leg e ss.mm.ii.
  • D.G.P. 16 ottobre 2009, n. 2446
  • D.G.P. 22 dicembre 2009, n. 3110
  • D.G.P. 17 giugno 2010, n. 1427
  • Circolare 11 aprile 2012, n. 149
  • D.G.P. 20 luglio 2012, n. 1539
  • D.G.P. 2 agosto 2013, n. 1362
  • D.G.P. 12 febbraio 2016, n. 162
A partire dai dati di input e con procedura guidata, il software effettua automaticamente:
  • i calcoli secondo le UNI 11300-1 e 2 come integrato dalla normativa provinciale
  • il riepilogo dei risultati di calcolo
  • la stampa della Relazione Tecnica ex Legge 10/91
  • la stampa delle schede relative agli elementi disperdenti (muri, finestre, etc.) da allegare alla relazione tecnica
  • su richiesta dell’utente, apposite stampe con tutti i risultati del calcolo
  • la valutazione del beneficio energetico derivante dall’utilizzo di fonti rinnovabili
  • le verifiche di legge secondo le vigenti metodologie di calcolo e le prescrizioni relative ai requisiti minimi
  • la stampa del certificato energetico

TerMus ha recepito la D.G.P. 162/2016 che stabilisce per la Provincia di Trento nuove norme in materia di requisiti minimi degli edifici e metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche. Le nuove disposizioni entrano in vigore il 13 aprile 2016.

Con la deliberazione della GP n. 162/2016, la provincia di Trento ha allineato la disciplina provinciale alle disposizioni nazionali sui Requisiti minimi (D.M. 26 giugno 2015).

Per la classificazione energetica, invece, viene mantenuto il vecchio sistema di classificazione a intervalli fissi.

La versione 40.00 aggiorna il software alle nuove norme per la verifica dei Requisiti minimi in vigore dal 29 giugno. Pertanto, per redigere un certificato energetico nella provincia di Trento o lavorare su progetti antecedenti al 29 giugno occorre utilizzare la versione 32.00y, sempre disponibile - anche per gli utenti che aggiornano alla versione 40.00 – su MyACCA (www.acca.it/myacca).

ACCA software S.p.A. - R.I. di Avellino - P.IVA e C.F. 01883740647 - Cap. Soc. € 3.600.000,00 i.v.
Copyright © 2016 - ACCA software S.p.A. - Tutti i diritti riservati