Release History EdiLus

Release History

Gli aggiornamenti sono riservati esclusivamente ai Clienti in regola con il contratto AmiCus. Se sei interessato a riattivare il contratto AmiCus e ricevere così l'ultima versione di EdiLus, chiedi di essere richiamato da un nostro operatore.

Chiedi di essere contattato

Versione

40.00e

Regione Emilia Romagna: modello guida per la redazione dell'Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto strutturale

(Aggiornamento disponibile per tutte le configurazioni)
E' disponibile nella lista delle Relazioni Personalizzate il modello-guida per la redazione dell'“Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto strutturale" (D.G.R. Emilia Romagna n. 1373 del 26 settembre 2011).

Regione Abruzzo: istanza di autorizzazione sismica

(Aggiornamento disponibile per tutte le configurazioni)

E' disponibile nella lista delle Relazioni Personalizzate il “Modello Istanza relazione Abruzzo” con guida alla compilazione dei principali modelli richiesti da questa procedura regionale per l’ottenimento dell’autorizzazione sismica.

Miglioramenti e ottimizzazioni

(aggiornamento disponibile per tutti i moduli di EdiLus)
  • Calcolo di strutture in Muratura Armata: ottimizzato il calcolo nella fase delle sollecitazioni per queste strutture.
  • Interfaccia - Toolbox Armature per Setti e Bicchieri: ottimizzata la visualizzazione delle informazioni relative alla toolbox Armature per Setti e Bicchieri.
Versione

40.00d

Modulo 12 per deposito telematico dei progetti nella Regione Lombardia

(Aggiornamento disponibile per tutte le configurazioni)
E' disponibile nella lista delle Relazioni Personalizzate il modulo 12 che riporta i principali dati del calcolo previsti da questo modello.

Piattaforma SISMI.CA Calabria: esportazione dei dati per le strutture in muratura (nuova, esistente e armata) e in acciaio

(Aggiornamento disponibile solo nelle configurazioni con EdiLus-AC o EdiLus-AC[LT] e EdiLus-MU)

La procedura di esportazione dei dati per la piattaforma telematica SISMI.CA della Regione Calabria è ora attiva anche per le strutture in muratura e acciaio nel caso della tipologia “Altre Opere”. I dati sono esportati esclusivamente in formato CSV.

Modelli relazioni CIS

(Aggiornamento disponibile solo nelle configurazioni con EdiLus-EE o EdiLus-MU)

Aggiunta una tabella riepilogativa dei minimi coefficienti di sicurezza dei vari elementi strutturali per meglio evidenziare l’esito delle verifiche di secondo livello per le strutture.


Miglioramenti e ottimizzazioni

(aggiornamento disponibile per tutti i moduli di EdiLus)
  • Allegato B Regione Lazio: aggiunto al modello il minimo coefficiente di sicurezza per le verifiche globali, calcolato come il minimo valore fra le verifiche di resistenza allo SLU e le verifiche geotecniche a carico limite.
  • Dati per strutture in C.A. per procedura SISMI.CA: corretti ed ottimizzati alcuni problemi di conversione e restituzione dei dati.
Versione

40.00c

EdiLus-CIS: certificato di idoneità statica per le verifiche di secondo livello

(Aggiornamento disponibile solo nelle configurazioni con EdiLus-CA+EdiLus-EE ed EdiLus-MU)
Attualmente per il Comune di Milano e progressivamente per i comuni in cui sarà richiesta, EdiLus effettua con il plugin EdiLus-CIS la valutazione della sicurezza per la struttura in esame e consente di ottenere automaticamente la relazione con i livelli di sicurezza attuali o raggiunti con l’intervento e le eventuali conseguenti limitazioni da imporre nell’uso della costruzione.
In automatico vengono predisposti i seguenti elaborati:
  • il “Certificato Idoneità Statica CIS
  • la “Relazione Verifica CIS Livello 2
in conformità alle Linee guida di indirizzo per la verifica dell’idoneità statica delle costruzioni presenti all’interno del territorio comunale ai sensi dell’art. 11.3 del Regolamento Edilizio del Comune di Milano.

Le verifiche di secondo livello si applicano se le verifiche di primo livello non sono esaustive o quando queste richiedano una maggior analisi per determinate situazioni di pericolo.

EdiLus-CIS è un plugin dei software EdiLus-CA (con il modulo EdiLus-EE) ed EdiLus-MU ed è incluso nel servizio AmiCus; per il suo funzionamento è richiesto che il PC sia collegato ad internet.

Per le verifiche di primo livello è possibile utilizzare il software e l'app Calcolus-CIS.

CIS



Integrazione dei collegamenti in acciaio e legno con Edificius

(Aggiornamento disponibile solo nelle configurazioni con EdiLus-AC o EdiLus-AC[LT] e EdiLus-LG)

Implementata la funzione che consente l’integrazione tra EdiLus ed Edificius anche dei collegamenti in acciaio e legno inseriti nel documento di EdiLus.

Collegamento Acciaio

Miglioramenti e ottimizzazioni

(aggiornamento disponibile per tutti i moduli di EdiLus)
  • Calcolo Cedimenti: ottimizzato il calcolo in presenza di travi di fondazioni inclinate. In talune circostanze poteva verificarsi l’interruzione del calcolo nella fase delle sollecitazioni.
  • Stampa Relazioni: ottimizzata la procedura di stampa delle relazioni direttamente da EdiLus. Per talune configurazioni e situazioni, le pagine stampate non si adattavano al formato del foglio scelto.
Versione

40.00b

Procedura SISMI.CA

(funzione disponibile solo per EdiLus-CA ed EdiLus-CA LT) La procedura consente di ottenere gli elaborati necessari per la compilazione online sulla piattaforma SISMI.CA. per la Regione Calabria. Tramite questa procedura sarà possibile ottenere, oltre ai file CSV richiesti, anche un file unico XML che consente la compilazione automatica dell'istanza online..
In EdiLus, al wizard per la procedura SISMI.CA si accede mediante il seguente percorso: File>Esportazioni>Relazioni Personalizzate opzione Modello Relazione SISMI.CA.

Per ulteriori approfondimenti su come operare si consiglia di consultare il seguente Forum:
http://forum.acca.it/it/edilus/id41689/procedura-sismi-ca-regione-calabria.html#idTopic_41689

Sismica



Calcolo Pushover

(tutti i moduli di EdiLus) Ottimizzato il calcolo Pushover in presenza di analisi per eccentricità accidentale e in presenza di rinforzi sui fori in materiale generico.


Carico Limite

(tutti i moduli di EdiLus) Ottimizzato il calcolo del carico limite per fondazioni superficiali sfalsate in presenza di stratigrafie.
Versione

40.00a

Linee guida per la classificazione del rischio sismico: due strumenti al tuo servizio!

Le linee guida per la classificazione del rischio sismico approvate dam MIT con D.M. 28 febbraio 2017 forniscono gli strumenti operativi per la determinazione della classificazione del rischio sismico degli edifici richiesta per l'accesso agli incentivi previsti dal "SismaBonus" (Legge 11 dicembre 2016, n. 232).
Le linee guida prevedono otto classi di rischio - con rischio crescente dalla lettera A+ alla lettera G - e due metodologie per la determinazione della classe di appartenenza:
  • Metodo semplificato
    Basato su una classificazione macrosismica dell'edificio, è indicato per una valutazione speditiva della Classe di Rischio dei soli edifici in muratura; può essere utilizzato sia per una valutazione preliminare indicativa, sia per valutare, limitatamente agli edifici in muratura, la classe di rischio in relazione all’adozione di interventi di tipo locale.
    Con la nuova web app EdiLus-CRS fai la classificazione sismica con metodo semplificato on line gratis, per sempre, ovunque, su PC o mobile
  • Metodo convenzionale
    Applicabile a qualsiasi tipologia di costruzione, è basato sull'applicazione dei normali metodi di analisi previsti dalle attuali Norme Tecniche Costruzioni (NTC2008) e consente la valutazione della classe di rischio della costruzione sia nello stato di fatto sia nello stato conseguente all’eventuale intervento.
    Fai la classificazione sismica con metodo convezionale con EdiLus-CRS PRO, il servizio incluso in EdiLus e attivo con AmiCus

EdiLus 40.00a e il nuovo servizio EdiLus-CRS PRO per la classificazione del rischio sismico con metodo convenzionale

Grazie all'integrazione con il servizio EdiLus-CRS PRO, EdilLus consente di ottenere la classe sismica di appartenenza del fabbricato secondo il metodo convenzionale sia per lo stato di fatto che per lo stato di progetto, in modo tale da poter certificare il passaggio di una o più classi di rischio.



Classificazione del rischio sismico con metodo convenzionale



In automatico vengono predisposti l’Asseverazione e la Relazione Illustrativa dell’attività conoscitiva svolta, così come previsto dalle Linee Guida.

Il servizio EdiLus-CRS PRO:

  • è gratuito ed attivo solo per gli utenti con servizio Amicus
  • riguarda le configurazioni che includono EdiLus-MU o EdiLus-EE
  • richiede per il suo funzionamento il collegameno ad internet.
Versione

32.00e

Collegamento a Scarpa per aste in Legno

(funzione disponibile solo per il modulo EdiLus-LG) E' stato implementato il collegamento per le aste in legno di tipo a “Scarpa”. Il collegamento può essere inserito, nelle configurazioni standard (intersezioni in pianta a 90°, sezioni rettangolari e travi orizzontali), fra trave-trave e fra trave e colonna.

Collegamento a Scarpa


Rappresentazioni dei carichi comunque inclinati

(funzione disponibile per tutti i moduli di EdiLus) Nella rappresentazione grafica 3D dei Risultati > Carichi, sono ora visibili non solo i carichi verticali ma anche eventuali carichi inclinati.


Carichi concentrati

Miglioramenti e ottimizzazioni

(per tutti i moduli di EdiLus)
  • Calcolo Pushover per edifici in classe 3/4: corretto un problema che impediva la conclusione del calcolo non lineare, per la comparsa di un errore nella fase delle verifiche finali.
  • Interfaccia grafica con risoluzione 4K-ultra HD (3940x2160): ottimizzata la visualizzazione dell’interfaccia grafica per risoluzioni 4K-ultra HD.
  • Calcolo PGA di maschi e pareti in c.a.: ottimizzato il calcolo delle PGA dei maschi murari e delle pareti in c.a. rispetto alla versione 32.00d.
  • Calcolo PGA confinamento nodi in c.a.: ottimizzato il calcolo della PGA a confinamento dei nodi in cemento armato esistente. In casi particolari, il valore della PGA poteva essere erroneamente fornito anche per i nodi confinati.
  • Relazione di Accettabilità: nella finestra in cui vengono rappresentati in 3D gli elementi strutturali, sono state eliminate le superficie esposte al vento, che impedivano una chiara visualizzazione della struttura e relativa selezione degli elementi.
  • Perdita impostazione del calcolo manuale del fattore di struttura: risolto un problema che comportava l’annullamento dell’impostazione del calcolo manuale del fattore di struttura. Ciò avveniva modificando qualche parametro del tab Generali delle Preferenze di Calcolo.
  • Funzione “Copia da …” per l’analisi dei carichi: risolto un problema che dava luogo alla comparsa di un errore quando si tentava di importare, nel documento aperto, l’analisi dei carichi da file provenienti da versioni precedenti alla 32.00d.
  • Tabulati - Sollecitazioni pilastri per effetto del sisma: risolto un problema di stampa che comportava un’errata impaginazione delle caratteristiche delle sollecitazioni. I valori numerici risultavano traslati verso sinistra di una colonna.
Versione

32.00c

Calcolo delle azioni del vento

Il nuovo EdiLus dispone di apposite funzionalità per il calcolo automatico delle azioni del vento secondo le indicazioni del D.M. 14/01/2008.

Calcolo Vento

Nelle "Preferenze di calcolo" è stato aggiunto il nuovo tab "Azione del vento" che permette di definire manualmente o calcolare automaticamente la distribuzione delle pressioni del vento in corrispondenza dei vari livelli della struttura.



Calcolo Vento

Nella vista 3D è stata aggiunta la vista "Azione del vento", dove occorre indicare manualmente le superfici esposte alle azioni del vento. Una volta individuate le superfici, il programma calcola automaticamente i coefficienti di forma per determinare le azioni del vento sulla struttura.

Calcolo Vento

L’applicazione delle forze del vento sulla struttura avviene dopo il calcolo del “Modello strutturale e Carpenterie”.



Calcolo Vento

N.B.: La valutazione dei coefficienti di forma o coefficienti aerodinamici (Cp), applicati automaticamente dal programma alle superfici esposte al vento indicate dall’utente, è stata formulata nell’ipotesi di costruzioni “stagne” (coefficiente di pressione interna Cpi nullo), a pianta rettangolare con coperture piane, inclinate o a falde.
In tutte le altre situazioni l'utente può personalizzare i coefficienti di forma e modificare opportunamente quanto proposto dal programma.



Miglioramenti e ottimizzazioni

  • Composizione dei tabulati: risolto il blocco nella composizione dei tabulati, a causa di un errore nella generazione delle tabelle allo SLE, nelle due seguenti condizioni:
    • presenza contemporanea di elementi shell in cemento armato ed in materiale generico.
    • nel caso di calcolo NON lineare (Pushover), per la presenza contemporanea di elementi shell in cemento armato e muratura.
  • Verifica dei plinti di fondazione nel caso di calcolo nel rispetto della Gerarchia delle Resistenze: le sollecitazioni Mx e Fx dei plinti di fondazione sono ora amplificate del coefficiente di sovraresistenza gRd.
  • Aggiornamento delle staffe dei pilastri a seguito del ricalcolo delle armature: viene effettuato automaticamente il ricalcolo delle armature delle staffe dei pilastri, se per questi è richiesta la conservazione delle armature.
  • Calcolo PGA allo SLV per deformazione ultima del pannello e PGA allo SLO e allo SLD (EdiLus-MU): ottimizzato il calcolo della PGA allo SLV a deformazione ultima del pannello murario e della PGA allo SLO ed allo SLD per spostamenti d’interpiano nel caso di calcolo NON lineare (Pushover).
    Precedentemente, la PGA a deformazione ultima del maschio murario non era calcolata se la verifica agli spostamenti di interpiano allo SLD non era soddisfatta.
Versione

32.00a

Calcolo della Neve

È stata implementata - nell’analisi dei carichi di solai, balconi, solette e volte - un'apposita funzionalità per il calcolo automatico del carico superficiale dovuto alla neve secondo le indicazioni del DM 14/01/2008.

Calcolo della Neve



Importazione/esportazione di file DXF/DWG per le versioni AutoCAD 2013 e 2016

Il nuovo EdiLus importa ed esporta file DXF/DWG anche nella versione AutoCAD 2013 (il formato più recente e più utilizzato dalle ultime versioni dei programmi CAD in commercio).

Classi di resistenza del legno lamellare secondo la UNI EN 14080-2013 Funzione disponibile solo in EdiLus-LG

Sono state aggiunte le nuove classi di resistenza del legno lamellare secondo la UNI EN 14080-2013 e le relative resistenze.

Ristrutturazione delle tabelle delle verifiche allo SLE degli elementi in c.a.

Le verifiche allo SLE degli elementi in c.a., che prima erano fornite in un’unica tabella, sono state divise ora in due gruppi, allo scopo di fornire informazioni più dettagliate e consentire una più facile e veloce lettura. Vengono ora prodotte le seguenti due tabelle di verifiche:
  • verifica a fessurazione;
  • verifica delle tensioni (massima compressione del cls e massima trazione dell’acciaio/rinforzo in FRP).

Per gli elementi shell (platea, solette, pareti), relativamente alla verifica a fessurazione, al fine di eliminare le informazioni ridondanti, vengono fornite le sollecitazioni e le verifiche dei soli nodi shell per cui si forma fessura. Qualora non si aprano fessure, viene riportato il nodo shell in cui si registra la maggiore tensione di trazione nel calcestruzzo.
N.B.: In fase di conversione i file calcolati con precedenti versioni verranno resettati del calcolo, conservando però le armature eventualmente personalizzate.

Ristrutturazione del calcolo dei bicchieri di fondazione e delle relative tabelle di verifica

Sono stati ottimizzati il calcolo e la verifica dei bicchieri di fondazioni. Ristrutturate anche le tabelle di verifica che forniscono ora informazioni più dettagliate.
N.B.: In fase di conversione i file calcolati con precedenti versioni verranno resettati del calcolo, conservando però le armature eventualmente personalizzate.

Funzione di rimozione del modello BIM

Nella toolbox BIM è stato aggiunto un tasto che consente di rimuovere da EdiLus il modello BIM di Edificius ottenuto mediante la funzione di integrazione.

Collegamento bullonato a flangia per travi e pilastri scatolari Funzione disponibile solo in EdiLus-AC

Con EdiLus 32.00(a) è possibile gestire i collegamenti bullonati a flangia tra:
  • travi scatolari (a spigoli arrotondati ed a spigoli vivi) e
    • colonne di sezioni IPE/HE, nelle configurazioni standard (intersezioni in pianta a 90°)
    • muri o travi, pilastri, pareti in cemento armato, nelle configurazioni standard (intersezioni in pianta a 90°)
  • pilastri scatolari (a spigoli arrotondati ed a spigoli vivi) e travi di sezioni IPE/HE, nelle configurazioni standard (intersezioni in pianta a 90°)


Collegamento bullonato a flangia

Collegamento bullonato a flangia

Collegamento bullonato a flangia

Calcolo di capriate in legno e acciaio in pochi click?
Ecco il software pratico e professionale, sempre
a portata di mano, più semplice di un'APP!

  • Input veloce di geometrie, profili e materiali
  • Verifiche agli stati limite secondo le Norme Tecniche delle Costruzioni (NTC 2008)
  • Risultati immediati in forma numerica e grafica
  • Stampa della relazione tecnica, archiviazione e condivisione dei lavori su CLOUD
EdiLus-CPT PRO è gratuito per gli utenti di EdiLus con servizio AmiCus attivo


Scopri di più Contattaci per riattivare il servizio AmiCus

EdIlus-CPT PRO

Novità delle versioni precedenti

NOVITA' di EdiLus-AC
(le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-AC)

Nuovi Collegamenti: implementati nuovi collegamenti:
  • collegamento tra asta tubolare e colonna del tipo HE o IPE;
  • collegamento tra asta tubolare ed elementi in cemento armato (parete, pilastro, trave) o muratura;
  • collegamento tra asta IPE o HE e colonna Tubolare.


NOVITA' di EdiLus-EE
(le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-EE)

Controventi in acciaio: introdotta la possibilità di inserire i controventi in acciaio come intervento di rinforzo di strutture esistenti in cemento armato. Ovviamente per poter inserire tale elemento occorre disporre sia del modulo EE che del modulo AC (o AC-LT).


MIGLIORAMENTI
(i miglioramenti riguardano tutta la soluzione EdiLus)

  • Pali di fondazione: generalizzata la teoria di Broms per il calcolo del carico limite orizzontale dei pali di fondazione al caso di terreni stratificati.
  • Esportazione in DXF/DWG: migliorata la restituzione dei disegni esportati in formato DXF/DWG.
  • Correzione anomalie: ottimizzate varie anomalie emerse sulla precedente versione.
  • Eurocodici. Implementati gli Eurocodici e i relativi Annessi Nazionali come normativa di calcolo. Gli Annessi Nazionali sono consultabili e personalizzabili. La norma personalizzata può anche essere esportata e importata per altri progetti.
  • Combinazioni di Carico. Introdotta la possibilità di personalizzare le combinazioni di carico. Oltre alla proposta elaborata dal programma prevista dalla normativa, si possono eliminare delle combinazioni di carico e aggiungerne altre con coefficienti di combinazione definiti dal tecnico. Le combinazioni personalizzate vengono conservate anche quando si resetta il calcolo.
  • Nuovi Collegamenti in Acciaio. Inseriti il collegamento tra colonna con profilo tubolare e fondazione e il collegamento diretto tra arcarecci e capriata anche per profili IPE, HE, UPN, L, 2L.
  • Capriate in Acciaio. Per le capriate a sezione semplice, oltre ai profili ad L, sono stati aggiunti anche i profili UPN; introdotte le capriate a sezione miste in cui si può associare un profilo qualsiasi alle aste (IPE, tubolari, scatolari, etc). I profili associati possono essere anche differenziati tra le varie aste.
  • Incamiciatura in acciaio come intervento di rinforzo per pilastri esistenti in cemento. L’intervento può essere configurato:
    • per pilastri rettangolari, con profili angolari collegati da calastrelli oppure con piatti continui sulle 4 facce del pilastro;
    • per pilastri circolari, con un tubolare che interessa tutto il pilastro, ad anelli, ad anelli con elementi di collegamento
  • Spettri di Risposta. Implementata la possibilità di personalizzare gli Spettri di Risposta utile nel caso di terreni di tipo S1 e S2 o in tutti i casi i n cui è stata eseguita analisi di risposta sismica locale.
  • Fattori di Struttura. Introdotta la possibilità di distinguere il fattore di struttura per direzione; tale distinzione è necessaria per le strutture che hanno comportamento differente per le due direzioni di azione del sisma (ad es. a telaio in X e a parete in Y).
  • Modello di Calcolo. Implementata la possibilità di scegliere il modello di calcolo da utilizzare. Infatti, oltre a quello già presente con braccetti rigidi, è possibile attivare quello “in asse” in base al quale il beam viene rappresentato solo da tratto flessibile che congiunge i nodi di estremità.
  • Eccentricità Accidentale. Aggiunta una nuova modalità di applicazione dell’eccentricità accidentale: si potrà scegliere di considerarla applicando ai nodi delle coppie torcenti o delle equivalenti forze.
  • Calcolo Fondazioni. Aggiunte due nuove modalità di calcolo delle fondazioni per tenere in conto della Gerarchia delle Resistenze: Calcolo con q=1, Calcolo unitario con Sovraresistenza.
  • Armature Shell. Per la progettazione delle armature degli elementi modellati a shell (pareti, solette, platee) introdotta la possibilità di scegliere se, considerare un unico copriferro per le armature orizzontali e verticale, oppure differenziarlo in virtù della reale posizione nello spazio.
  • Rigidezza Fessurata. Implementata la possibilità di considerare la rigidezza fessurata per i materiali fragili nelle combinazioni sismiche come previsto dalla norma.
  • Deformazione ultima del maschio. Aggiunta la restituzione della accelerazione sismica di collasso (PGA) per i vari maschi murari per il meccanismi di Deformazione Ultima.
  • Combinazioni di Carico. Aggiunto il nodo Combinazioni di carico in cui è possibile decidere quale tipologia di carico può essere di base (dominante) nella permutazione dei carichi variabili. Questo consentirà di ridurre il numero delle combinazioni di carichi da eseguire e quindi i tempi di calcolo. Inoltre è possibile visualizzare contestualmente quali e quante saranno le combinazioni di carico generate.
  • Capriate acciaio. Implementata la possibilità di modellare la capriata non solo con profili accoppiati ma anche con gli stessi profili singoli. Anche in questo caso è consentito l’inserimento di collegamenti con fazzoletti bullonati e saldati.
  • Nuova Interfaccia. L’interfaccia del programma è stata completamente rivista per rendere il programma ancora più semplice e intuitivo. I comandi non sono organizzati in menu ma in una serie di barre multifunzione (ribbon toolbar): i comandi sono tutti a vista e comodamente reperibili senza più la necessità di ricordare dove sono posizionati.
  • Nuova Home Page. Introdotta la home page del programma da cui è possibile:
    -eseguire le operazioni relative alla gestione dei documenti (apertura, salvataggio, esportazioni);
    -visualizzare le anteprime dei progetti da aprire;
    -gestire i servizi di assistenza quali help, forum, aggiornamenti;
    -accedere al video tutorial per essere subito operativi con il programma
    -partecipare ai forum di discussione con altri tecnici;
  • Nuovi servizi on-line. Attivati i servizi di assistenza on-line grazie ai quali il tecnico ha una serie di strumenti a disposizione per usare al meglio il programma. Si possono eseguire delle ricerche su forum, video, faq e se non si è trovata la soluzione al problema si può inviare la richiesta direttamente ai tecnici ACCA.
  • Nuovo Help. Aggiornato l’help in linea con funzioni automatiche di approfondimento con i contenuti dei servizi on-line.

NOVITA' di EdiLus-CA
(le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-CA)

  • Tensioni per analisi non-lineare: implementata la restituzione delle tensioni non lineari per ogni componente dell’elemento strutturale bidimensionale. Nel caso di pareti in cemento armato, vengono fornite le tensioni principali nel calcestruzzo e nell’armatura.
  • Vista tensioni shell: sostituita la vista "tensioni pareti, solette e platee" con la vista "tensioni shell" con cui vengono restituite le mappature delle tensioni per elementi bidimensionali schematizzati a shell. Nel caso di analisi non-lineare, si fornisce la mappatura cromatica delle tensioni principali nel calcestruzzo e nell’armatura per ogni faccia dell’elemento e per ogni analisi eseguita.
  • Posizione Magrone: introdotta la possibilità per le travi alla winkler di poter definire la sporgenza del magrone, scegliendo se è presente su entrambi i lati, solo su un lato (trave di confine) o nessun lato. Tali impostazioni hanno influenza nella definizione della base d’impronta per la diffusione delle tensioni sul terreno.

NOVITA' di EdiLus-MU
(le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-MU)

  • Tensioni per analisi non-lineare: implementata la restituzione delle tensioni non lineari per ogni componente dell’elemento strutturale bidimensionale. Nel caso di muri con rinforzi in betoncino armato o FRP, vengono fornite le tensioni principali nella muratura e nel rinforzo per entrambe le facce.
  • Vista tensioni shell: sostituita la vista "tensioni pareti, solette e platee" con la vista "tensioni shell" con cui vengono restituite le mappature delle tensioni per elementi bidimensionali schematizzati a shell. Nel caso di analisi non-lineare, si fornisce la mappatura cromatica delle tensioni principali nella muratura e nel rinforzo per ogni faccia dell’elemento e per ogni analisi eseguita.
  • Posizione Magrone: introdotta la possibilità per fondazioni in muratura di poter definire la sporgenza del magrone, scegliendo se è presente su entrambi i lati, solo su un lato (trave di confine) o nessun lato. Tali impostazioni hanno influenza nella definizione della base d’impronta per la diffusione delle tensioni sul terreno.

NOVITA' di EdiLus-EE
(le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-EE)

  • Tensioni per analisi non-lineare: implementata la restituzione delle tensioni non lineari per ogni componente dell’elemento strutturale bidimensionale. Nel caso di pareti in cemento armato con rinforzi in betoncino o FRP vengono restituite le tensioni principali per ogni strato componente della parete rinforzata: calcestruzzo, armatura di fatto, betoncino e armatura di progetto o FRP.
  • Vista tensioni shell: sostituita la vista "tensioni pareti, solette e platee" con la vista "tensioni shell" con cui vengono restituite le mappature delle tensioni per elementi bidimensionali schematizzati a shell. Nel caso di analisi non-lineare su edifici con pareti in cemento armato con eventuale presenza di rinforzo in betoncino armato o FRP, vengono fornite le mappature cromatiche delle tensioni per ogni strato costituente la parete: calcestruzzo di fatto, armatura di fatto, betoncino, armatura di progetto, FRP per entrambe le facce della parete.

ALTRE NOVITA'

  • Travetta cfc: l’uso della travetta cfc in concomitanza casuale con altre funzioni poteva comportare il danneggiamento del file. Risolto nell’attuale release.
  • Resistenze di progetto per pali: ottimizzata la memorizzazione delle resistenze di progetto laterale e alla punta per i pali quando si utilizzava l’opzione "Resistenza di progetto Nota".
  • Composizione dei tabulati: risolto il problema della mancata composizione dei tabulati nel caso di strutture con platea di fondazione a cui era associata una stratigrafia.
  • Computo dei rinforzi: ottimizzato il computo dei rinforzi in FRP su elementi in cemento armato esistenti.
  • Collegamenti acciaio: risolto il problema del calcolo dei collegamenti in acciaio applicati su elementi ruotati in pianta. Nella precedente release in tale situazione si aveva il blocco del calcolo.

NOVITA' di EdiLus-CA
(le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-CA)

  • Calcolo dei Cedimenti: implementato il modulo aggiuntivo EdiLus-CF per il calcolo dei cedimenti delle fondazioni dirette. A partire dalla stratigrafia del terreno, per qualunque tipologia di fondazione (plinto, trave rovescia, platea) il programma individua una serie di punti significativi in cui esegue la valutazione dei cedimenti potendo ricorrere sia al Metodo Edometrico sia al Metodo di Skempton-Bjerrum. In automatico il programma provvede anche alla stima dei Cedimenti Differenziali e alla conseguente verifica. I risultati dei cedimenti e dei cedimenti differenziali vengono forniti sia per via grafica, mediante delle viste 3d mappate a colori, sia tramite tabelle nei tabulati e nelle Relazione Geotecnica. Il calcolo è opzionale e per attivarlo occorre vistare il relativo flag nella sezione Dati Generali > Preferenze.
  • Verifiche di Scorrimento: implementata la verifica di scorrimento sul piano di posa per fondazioni dirette come richiesto al p.to 6.4.2.1 delle NTC 2008. Il calcolo è opzionale e per attivarlo occorre vistare il relativo flag nella sezione Dati Generali > Preferenze.
  • Risultati Geotecnici: per rappresentare al meglio i risultati geotecnici, sono state implementate delle specifiche viste tridimensionali mappate a colori. In queste viste viene mappato il Coefficiente di Sicurezza per: carico limite per fondazione diretta, carico limite verticale per pali e carico limite orizzontale per pali. Di queste rappresentazioni, al pari delle altre, possono essere scattate delle fotografie da inserire nei grafici sintetici; in questo modo è possibile ottenere un elaborato grafico dei risultati geotecnici che integri le tabelle.
  • Procedura SITAS-Regione Lazio: Implementata la compilazione automatica del report contenente i dati per la procedura telematica SITAS per la Regione Lazio. Per ottenere tale report occorre portarsi nel menù File > Esportazioni > Genera Relazioni Personalizzate e nel wizard esportazione relazioni scegliere modello Relazione Lazio.
  • Wizard Esportazione Relazioni: Implementato il "wizard esportazione relazioni" che contiene una serie di modelli per relazioni specifiche quali il "Modello Relazione Lazio" e il "Modello Relazione SIERC". In aggiunta, a titolo di esempio, viene fornita una guida per alcune relazioni specifiche quali "Relazione sui Materiali", "Guida per la verifica locale dei solai" e "Guida per la verifica della tamponatura". Va precisato che tali modelli contengono delle indicazioni per la compilazione di tali documenti qualora richiesti, pertanto la corretta redazione sarà a cura del tecnico. Per attivare il wizard occorre portarsi nel menù File > Esportazioni > Genera Relazioni Personalizzate.
  • Video Tutorial: Implementato il nuovo Video Tutorial che sostituisce il Videomanuale su Cd-Rom come strumento di supporto per l'utilizzo del programma. Per accedervi basta portarsi nel menù "?" del programma e scegliere l'opzione Video Tutorial da una macchina su cui è presente una connessione internet. Inserendo Nome Utente e Password si accede alla home page del video tutorial per EdiLus, dove è disponibile un video che illustra il funzionamento. I video sono suddivisi in base ai moduli della soluzione e in base a categorie di argomento. In alternativa è possibile ricorrere a delle funzioni di ricerca mediante parole chiave. Delle funzioni specifiche consentono al tecnico di interagire, pertanto, se il video è stato poco esauriente oppure non si è trovato quello che si cercava, potrà lasciare un feed-back che consentirà ai tecnici ACCA di migliorare lo strumento. Tutte queste funzioni fanno del Video Tutorial uno strumento dinamico in continuo aggiornamento per essere sempre più rispondente alle esigenze dell'utente.

NOVITA' di EdiLus-MU
(le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-MU)

  • Calcolo dei Cedimenti: il modulo aggiuntivo EdiLus-CF per il calcolo dei cedimenti delle fondazioni dirette. A partire dalla stratigrafia del terreno, per qualunque tipologia di fondazione (plinto, trave rovescia, platea) il programma individua una serie di punti significativi in cui esegue la valutazione dei cedimenti potendo ricorrere sia al Metodo Edometrico sia al Metodo di Skempton-Bjerrum. In automatico il programma provvede anche alla stima dei Cedimenti Differenziali e alla conseguente verifica. I risultati dei cedimenti e dei cedimenti differenziali vengono forniti sia per via grafica, mediante delle viste 3d mappate a colori, sia tramite tabelle nei tabulati e nelle Relazione Geotecnica. Il calcolo è opzionale e per attivarlo occorre vistare il relativo flag nella sezione Dati Generali > Preferenze.
  • Verifiche di Scorrimento: implementata la verifica di scorrimento sul piano di posa per fondazioni dirette come richiesto al p.to 6.4.2.1 delle NTC 2008. Il calcolo è opzionale e per attivarlo occorre vistare il relativo flag nella sezione Dati Generali > Preferenze.
  • Risultati Geotecnici: per rappresentare al meglio i risultati geotecnici, è stata implementata una specifica vista tridimensionale mappata a colori. In questa vista viene mappato il Coefficiente di Sicurezza per carico limite per fondazione diretta. Di questa rappresentazione, al pari delle altre, possono essere scattate delle fotografie da inserire nei grafici sintetici; in questo modo è possibile ottenere un elaborato grafico dei risultati geotecnici che integri le tabelle.
  • Procedura SITAS-Regione Lazio: Implementata la compilazione automatica del report contenente i dati per la procedura telematica SITAS per la Regione Lazio. Per ottenere tale report occorre portarsi nel menù File > Esportazioni > Genera Relazioni Personalizzate e nel wizard esportazione relazioni scegliere modello Relazione Lazio.
  • Nuova eccezione: Implementata l'eccezione a calcolo PGA per gli elementi "di fatto".
  • Tabelle PGA: Implementate le tabelle delle accelerazioni di collasso (PGA) per singolo elemento. Per ogni elemento strutturale e per ogni meccanismo viene fornito il valore della PGA e la sezione di interesse. In questo modo, ad esempio, oltre ad avere il valore della PGA per la struttura in esame, è possibile sapere anche quale elemento ne determina il valore.
  • Eccentricità Accidentale: Implementate le analisi non lineari per eccentricità accidentale.
  • Video Tutorial: Implementato il nuovo Video Tutorial che sostituisce il Videomanuale su Cd-Rom come strumento di supporto per l'utilizzo del programma. Per accedervi basta portarsi nel menù "?" del programma e scegliere l'opzione Video Tutorial da una macchina su cui è presente una connessione internet. Inserendo Nome Utente e Password si accede alla home page del video tutorial per EdiLus, dove è disponibile un video che illustra il funzionamento. I video sono suddivisi in base ai moduli della soluzione e in base a categorie di argomento. In alternativa è possibile ricorrere a delle funzioni di ricerca mediante parole chiave. Delle funzioni specifiche consentono al tecnico di interagire, pertanto, se il video è stato poco esauriente oppure non si è trovato quello che si cercava, potrà lasciare un feed-back che consentirà ai tecnici ACCA di migliorare lo strumento. Tutte queste funzioni fanno del Video Tutorial uno strumento dinamico in continuo aggiornamento per essere sempre più rispondente alle esigenze dell'utente.

NOVITA' di EdiLus-AC
(le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-AC)

  • Nuova eccezione: Implementata l'eccezione a torsione per le aste in acciaio.

NOVITA' di EdiLus-CA Pushover
(le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-CA Pushover)

  • Eccentricità Accidentale: Implementate le analisi non lineari per eccentricità accidentale.

NOVITA' di EdiLus-LG
(le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-LG)

  • Nuove eccezioni: implementate 2 nuove eccezioni per le aste in legno:
    • verifica a torsione
    • verifica all'instabilità

NOVITA' di EdiLus-EE
(le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-EE)

  • Nuovi Interventi: Implementate nuove tipologie di intervento di rinforzo sugli edifici in cemento armato esistenti:
    • Rinforzo con betoncino armato su pareti;
    • Rinforzo con FRP su pareti;
    • Sottofondazione.
    • Vista di Fatto/di Progetto: Nel caso di modellazione di edificio esistente - situazione di progetto, mediante apposito bottone è possibile attivare una vista che consente di distinguere gli elementi "di fatto" da quelli "di progetto". La distinzione avviene mediante una diversa gradazione di colore; questo consentirà di individuare più agevolmente gli elementi su cui applicare gli interventi di rinforzo.
    • Ricalcolo Interventi: L'applicazione di interventi di rinforzo con FRP sugli elementi strutturali può avvenire anche a calcolo eseguito e non richiede l'annullamento del calcolo. In automatico il programma provvede ad eseguire la riverifica dell'elemento strutturale fornendo immediata indicazione sull'efficacia dell'intervento. Ovviamente, se il progetto di rinforzo prevede l'adozione di interventi che alterino la distribuzione delle rigidezze nella struttura (incamiciature in c.a.), è opportuno comunque rieseguire il calcolo al fine di avere le effettive sollecitazioni sui vari elementi strutturali.
    • Abilita Verifiche: Dopo avere selezionato una tipologia di rinforzo nella vista interventi, cliccando sul bottone "abilita verifiche", il programma evidenzia gli elementi in cui quel tipo di rinforzo può essere efficace, ovvero gli elementi in cui c'è una verifica non soddisfatta. Ad esempio se selezioniamo "rinforzo FRP per flessione" verranno evidenziate le travi con le sezioni non verificate a pressoflessione.
    • Tabelle PGA: Implementate le tabelle delle accelerazioni di collasso (PGA) per singolo elemento. Per ogni elemento strutturale e per ogni meccanismo viene fornito il valore della PGA e la sezione di interesse. In questo modo, ad esempio, oltre ad avere il valore della PGA per la struttura in esame, è possibile sapere anche quale elemento ne determina il valore.
    • Nuova eccezione: Implementata l'eccezione a calcolo PGA per gli elementi "di fatto".
  • Novità di EdiLus-CA
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-CA)

    • Procedura SI-ERC: implementata funzione per la compilazione della procedura SI-ERC per la Regione Calabria. Tramite un wizard il tecnico viene guidato nella scelta delle informazioni necessarie per l’estrapolazione dei dati richiesti. Se dall’archivio è stato scelto un comune della Regione Calabria, si può attivare tale funzione dal menu File > Esportazioni > Report Dati per compilazione SI-ERC”. Al termine della procedura guidata viene esportata una cartella contenente i seguenti file, caricabili nel sistema SI-ERC:
      • Un report denominato “Relazione SIERC.RTF”, che ripercorre fedelmente lo schema del SI-ERC, in cui sono riportate le varie informazioni che il software riesce a fornire.
      • Una cartella in cui sono riportati i vari spettri in formato “.txt”.
      • Una cartella in cui sono riportate le varie curve di capacità in formato “.txt” (nel caso di calcolo PushOver).
      • Un file in formato “.txt” con la matrice dei modi di vibrazione.
      • Dei file in formato “.xls” relativi a:
        - i carichi nei vari piani;
        - la geometria delle pareti strutturali;
        - la geometria dei vari impalcati;
        - i dati delle armature e delle sollecitazioni di travi, pilastri e pareti/setti/nuclei in c.a.;
        - gli spostamenti dei piani per i vari SL.

    Novità di EdiLus-AC
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il modulo EdiLus-AC)

    • Collegamenti Saldati: arricchita la gamma dei collegamenti saldati. Oltre ai collegamenti già presenti sono stati introdotti:
      • Nodo reticolare per capriate con asta passante;
      • Nodo reticolare con fazzoletto con asta passante;
      • Collegamento diretto con asta passante;
      • Estensione fazzoletto per collegamento con flangia;
      • Estensione fazzoletto per collegamento con fondazione;
      • Nodo reticolare per capriate e controventi;
      • Collegamento capriata-colonna.
    • Procedura SI-ERC: implementata funzione per la compilazione della procedura SI-ERC per la Regione Calabria. Tramite un wizard il tecnico viene guidato nella scelta delle informazioni necessarie per l’estrapolazione dei dati richiesti. Se dall’archivio è stato scelto un comune della Regione Calabria, si può attivare tale funzione dal menu File > Esportazioni > Report Dati per compilazione SI-ERC”. Al termine della procedura guidata viene esportata una cartella contenente i seguenti file, caricabili nel sistema SI-ERC:
      • Un report denominato “Relazione SIERC.RTF”, che ripercorre fedelmente lo schema del SI-ERC, in cui sono riportate le varie informazioni che il software riesce a fornire.
      • Una cartella in cui sono riportati i vari spettri in formato “.txt”.
      • Un file in formato “.txt” con la matrice dei modi di vibrazione.
      • Dei file in formato “.xls” relativi a:
        - i carichi nei vari piani;
        - la geometria dei vari impalcati;
        - gli spostamenti dei piani per i vari SL.

    Novità di EdiLus-MU
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-MU)

    • Procedura SI-ERC: implementata funzione per la compilazione della procedura SI-ERC per la Regione Calabria. Tramite un wizard il tecnico viene guidato nella scelta delle informazioni necessarie per l’estrapolazione dei dati necessari richiesti. Se dall’archivio è stato scelto un comune della Regione Calabria, si può attivare tale funzione dal menu “File > Esportazioni > Report Dati per compilazione SI-ERC”. Al termine della procedura guidata viene esportata una cartella contenente i seguenti file, caricabili nel sistema SI-ERC:
      • Un report denominato “Relazione SIERC.RTF”, che ripercorre fedelmente lo schema del SI-ERC, in cui sono riportate le varie informazioni che il software riesce a fornire.
      • Una cartella in cui sono riportati i vari spettri in formato “.txt”.
      • Una cartella in cui sono riportate le varie curve di capacità in formato “.txt” (nel caso di calcolo PushOver).
      • Un file in formato “.txt” con la matrice dei modi di vibrazione.
      • Dei file in formato “.xls” relativi a:
        - i carichi nei vari piani;
        - la geometria dei vari impalcati;
        - gli spostamenti dei piani per i vari SL;
        - la geometria e le sollecitazioni dei vari maschi murari.

    Per informazioni commerciali è possibile contattare direttamente gli uffici commerciali ACCA telefonando al numero 0827/69504 dal lunedì al venerdì dalle ore 09:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 alle ore 19:00.


    Novità di EdiLus-CA [LT]
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-CA LT)

    • Travi Winkler: esteso il numero delle travi winkler che è possibile inserire nel modello. Al fine di consentire un’adeguata modellazione delle fondazioni anche nelle strutture progettate con la versione LT, è stato rimosso il limite di 30 travi winkler e sono state rese illimitate.

    Novità di EdiLus-AC
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il modulo EdiLus-AC)

    • Collegamenti Saldati: implementati i collegamenti saldati per le strutture in acciaio. Viene introdotto un primo gruppo di collegamenti saldati che si affiancano ai collegamenti bullonati già presenti. Le funzioni per l’utilizzo dei collegamenti saldati (input, risultati ed esecutivi) sono le stesse dei collegamenti bullonati.
      I collegamenti implementati sono:
      - Ripristino con coprigiunti;
      - Collegamento diretto;
      - Nodo reticolare per capriate e controventi.

    Novità di EdiLus-MU
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-MU)

    • Elementi di Fatto: all’interno di una struttura in muratura esistente è possibile inserire elementi in cemento armato caratterizzati come “di fatto”. Fino alla precedente versione, per chi non aveva il modulo EE (Edifici Esistenti), travi e pilastri esistenti in cemento armato venivano trattati come “di progetto”, e quindi ne veniva progettata l’armatura e non venivano considerati i criteri di verifica specifici per gli edifici esistenti in cemento armato.
      Ora per l’elemento in cemento armato il programma consente di:
      - Disegnare l’armatura effettivamente presente;
      - Definire le effettive resistenze dei materiali;
      - Applicare il fattore di confidenza;
      - Eseguire le verifiche previste per gli elementi duttili e fragili;
      - Avere nella scheda di vulnerabilità le accelerazioni collasso anche per i meccanismi che interessano il cemento armato;
      - Calcolare l’indicatore di rischio sismico tenendo in conto anche i meccanismi che interessano il cemento armato;
      - Per chi ha il modulo Legno e/o Acciaio, anche gli elementi di tali materiali possono essere trattati come “di fatto”.

    IMPORTANTE!!! – Modulo EdiLus-EE (Edifici Esistenti in cemento armato):
    Con il modulo Edifici Esistenti, in più si può avere:
    - Verifica dello stato di fatto e progetto d’intervento su un edificio esistente in cemento armato;
    - Individuazione guidata del Livello di Conoscenza;
    - Determinazione delle resistenze dei materiali da usare nel calcolo a partire dalle prove di laboratorio;
    - Inserimento degli interventi di rinforzo sulle strutture in cemento armato;
    - Avere schede di vulnerabilità pre e post intervento per strutture in cemento armato.
    Per informazioni commerciali è possibile contattare direttamente gli uffici commerciali ACCA telefonando al numero 0827/69504 dal lunedì al venerdì dalle ore 09:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 alle ore 19:00.

    Novità di EdiLus-MU
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-MU)

    • Sollecitazioni Combinate: implementato il foglio “.csv” per maschi e fasce. Il foglio “.csv” può essere aperto con excel e riporta i set di sollecitazioni combinate per tutte le combinazioni di carico per ogni sezione di verifica di maschi e fasce.

    Novità di EdiLus-EE
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-EE)

    • Pilastri Circolari: implementata la possibilità di definire l’armatura longitudinale e le staffe per pilastri a sezione circolare definiti come “di fatto”;
    • Sezioni Irregolari: implementata la possibilità di definire l’armatura longitudinale e trasversale delle travi con sezione irregolare che vengono calcolate a pressoflessione deviata;
    • Indicatore di Rischio: perfezionato il calcolo degli indicatori di rischio sismico per strutture in classe 3 e 4.

    Rilascio del nuovo modulo EdiLus-EE (Verifiche degli Edifici Esistenti in C.A.); lo strumento per verificare le strutture in C.A. di edifici esistenti e progettare ristrutturazioni con modifiche strutturali ed adeguamenti sismici:

    Per informazioni commerciali è possibile contattare direttamente gli uffici commerciali ACCA telefonando al numero 0827/69504 dal lunedì al venerdì dalle ore 09:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 alle ore 19:00.

    Integrazione con Edificius: da questa release EdiLus si integra con Edificius, il software di progettazione architettonica BIM. L’integrazione sarà attiva dalla versione 5.00c di Edificius.

    Novità EdiLus-CA
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-CA)

    • Verifiche allo SLE: ottimizzata le verifiche allo Stato Limite di Esercizio. Una errata valutazione del copriferro portava a dei risultati leggermente più conservativi;
    • Verifica combinata TAGLIO+TORSIONE: perfezionata l’esecuzione della riverifica della trave in Cemento armato a taglio+torsione a seguito della modifica delle armature longitudinali;
    • Coefficiente di sicurezza: nella verifica a pressoflessione deviata dei pilastri, in alcune condizioni molto particolari e piuttosto rare, si poteva verificare che veniva stampata nelle verifiche una terna di sollecitazioni appartenenti ad una combinazione diversa da quella utilizzata nella verifica.

    Novità di EdiLus-PO (Pushover)
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il modulo EdiLus-PO)

    • Verifica di confinamento nodo: nel caso di analisi push-over la valutazione del taglio sollecitante per la verifica di confinamento del nodo veniva sovrastimata.

    Novità di EdiLus-MU
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-MU)

    • Report Dati: estesa anche alle strutture in Muratura la compilazione automatica dei “Report dati per procedura SI-ERC” (Regione Calabria) e “Report dati per regione Lazio” (Allegato B) già presenti per le strutture in cemento armato.

    Novità di EdiLus-AC
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il modulo EdiLus-AC)

    • Report Dati: estesa anche alle strutture in Acciaio la compilazione automatica dei “Report dati per procedura SI-ERC” (Regione Calabria) e “Report dati per regione Lazio” (Allegato B) già presenti per le strutture in cemento armato.

    Novità di EdiLus-LG
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il modulo EdiLus-LG)

    • Integrazione con ManTus-P: implementata l’integrazione tra EdiLus-LG e ManTus-P per avere in automatico il pieno di manutenzione della parte strutturale in legno. Tale integrazione è attiva a partire dalla versione 9.00 di ManTus-P.

    Novità di EdiLus-CA
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-CA)

    • Sollecitazioni combinate per Pali: implementato il foglio .CSV con le sollecitazioni combinate per plinti, pali e plinti su pali. In questo modo è possibile avere per ogni combinazione di carico la corrispondente sestupla di sollecitazioni sia allo SLU che allo SLE;
    • Nascondi soletta e nascondi volta: al pari delle funzioni “nascondi solaio” e “nascondi balcone” sono stati attivati i tasti “nascondi soletta” e “nascondi volta” al fine di rendere temporaneamente invisibili tali elementi per una più comoda modellazione;
    • Carico limite in condizioni non drenate: ottimizzata la procedura di determinazione del coefficiente di inclinazione dei carichi per terreni puramente coesivi: in alcune condizioni, soprattutto per platee di estensione notevole, si poteva avere una penalizzazione eccessiva di tale coefficiente che comportava una leggera sottostima della resistenza di progetto;
    • Tavole esecutive: ripristinato il corretto funzionamento della disposizione personalizzata per la composizione automatica delle tavole esecutive.

    Novità di EdiLus-MU
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-MU)

    • Nascondi soletta e nascondi volta: al pari delle funzioni “nascondi solaio” e “nascondi balcone” sono stati attivati i tasti “nascondi soletta” e “nascondi volta” al fine di rendere temporaneamente invisibili tali elementi per una più comoda modellazione;
    • Tavole esecutive: ripristinato il corretto funzionamento della disposizione personalizzata per la composizione automatica delle tavole esecutive;
    • Analisi non lineare: nel caso di calcolo non lineare di struttura in muratura con elementi in acciaio, un’errata associazione delle proprietà dell’elemento in acciaio comportava il blocco del calcolo;
    • Calcolo PGA: nel caso di strutture di dimensioni notevoli, se venivano richieste le accelerazioni di collasso, il calcolo poteva andare in blocco a causa della conservazione di informazioni non necessarie sviluppate durante la procedura iterativa;
    • Calcolo Fondazione: ripristinato il corretto funzionamento nel caso di calcolo di struttura in muratura armata con applicazione della gerarchia delle resistenze: il calcolo della fondazione comportava il blocco del calcolo.

    Novità di EdiLus-AC
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il modulo EdiLus-AC)

    • Verifica d’instabilità: rivista la procedura per le verifiche d’instabilità per aste in acciaio nel caso di pressoflessione deviata: in alcune condizioni piuttosto rare poteva aversi una sottostima della resistenza.

    Novità di EdiLus-LG
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il modulo EdiLus-LG)

    • Arcarecci: estesa la funzione automatica arcarecci anche alle capriate “Semplice” e “con Monaco”;
    • Risultati Sintetici: implementati i risultati sintetici anche per i telai in legno.

    Novità di EdiLus-CA
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-CA)

    • Report Sintetico Regione Lazio: introdotto il Report sintetico per la Regione Lazio che consente di compilare la Scheda Tecnica “Allegato B” prevista dal Regolamento Regionale. Se nell’archivio dei comuni si sceglie un comune appartenente alla Regione Lazio, nel menù “File” > “Esportazioni” viene proposta l’opzione “Report dati per la Regione Lazio” con cui si esporta un file in formato .RTF che contiene alcune delle informazioni richieste;
    • Coordinate del Sito: modificato il formato in cui vengono riportate le coordinate del sito di riferimento individuate tramite EdiLus-MS: convertite da WGS84 in ED50;
    • Verifica a torsione per travi di sezione a T e ad L: ottimizzata la procedura di verifica a torsione nel caso di sezioni a T rovescia o ad L: una ripartizione non ottimale delle azioni torcenti poteva comportare una leggera sovrastima delle sollecitazioni;
    • Verifica a taglio per travi in Cemento Armato: nella determinazione del taglio per la Gerarchia delle Resistenze ottimizzata la valutazione delle sollecitazioni derivanti dall’applicazione dello schema pendolare sulle aste. Nella precedente versione si poteva avere una leggera sovrastima del valore del taglio di calcolo;
    • Verifiche Regolarità: eliminati i controlli sui criteri di regolarità per calcolo effettuato in Zona sismica 4.

    Novità di EdiLus-MU
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-MU)

    • Coordinate del Sito: modificato il formato in cui vengono riportate le coordinate del sito di riferimento individuate tramite EdiLus-MS: convertite da WGS84 in ED50;
    • Verifica a taglio per muratura armata: nel calcolo della muratura armata è stata rivista la determinazione del taglio dovuto alla Gerarchia delle Resistenze;
    • Verifica Fuori Piano per maschi in muratura: nella verifica Fuori Piano rivista la valutazione del coefficiente di parzializzazione per combinazioni sismiche.

    Novità di EdiLus-AC
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il modulo EdiLus-AC)

    • Collegamenti Reticolari: rivista la procedura per le verifiche a rifollamento e alle tensioni dei collegamenti reticolari della capriate in acciaio.

    Novità di EdiLus-CA
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-CA)

    • Strutture Deformabili Torsionalmente: implementata la verifica per strutture deformabili torsionalmente ai fini di una valutazione adeguata del fattore di struttura. Tale verifica è opzionale e può essere attivata nella sezione “Dati Analisi Sismica”;
    • Verifica a punzonamento per solette: nella precedente release la verifica a punzonamento su soletta veniva eseguita solo nel caso in cui il pilastro non proseguiva superiormente o inferiormente alla soletta. Con l’attuale release, la verifica è stata estesa anche agli altri casi;
    • Eccezione per gerarchia Flessione-Taglio: nella eccezione per gerarchia flessione-taglio è stata introdotta un’ulteriore opzione per la verifica. Le opzioni possibili sono:
      - da sollecitazioni: come nella precedente versione, in luogo del taglio calcolato secondo le regole della Gerarchia delle Resistenze viene utilizzato il taglio derivante dall’analisi;
      - da Momenti Ultimi con massimo da q=1: in luogo del taglio calcolato secondo le regole della Gerarchia delle Resistenze viene utilizzato il taglio derivante da un’analisi condotta con fattore di struttura pari ad 1, ipotizzando quest’ultimo come il valore massimo del taglio che si potrà verificare nella vita di servizio della struttura;
      La scelta viene eseguita nel toolbox della proprietà dell’eccezione ed è valida sia per travi che per pilastri;
    • Armatura delle travi: reso editabile il campo “minimo 2f14 sup. e inf.” presente nel toolbox delle armature delle travi. Tale campo regola la prescrizione normativa di disporre almeno 2 ferri di diametro 14 superiormente e inferiormente (p.to 7.4.6.2.1), nella precedente release il campo non era disattivabile;
    • Copriferro: aumentato il limite massimo che si può impostare per il copriferro; nella precedente release il massimo era 50mm ma in alcune condizioni particolari la norma prescrive un copriferro maggiore;
    • Verifica a torsione: perfezionato il funzionamento della riverifica a torsione con DM 96. In alcuni casi non venivano ricalcolati i momenti resistenti dovuti alle staffe e ai ferri parete;
    • Bollino Gerarchia delle resistenze: in alcuni casi di ricalcolo dopo conservazione delle armature non si rendeva editabile il bollino GR sull’armatura delle travi;
    • Procedura SI-ERC: inserito un report con alcuni dati necessari per la compilazione della procedura SI-ERC per la Regione Calabria. Se nell’archivio comuni viene scelto un comune appartenente alla Regione Calabria, nel menù “File” - “Esportazioni” è presente l’opzione “Report dati per compilazione SI-ERC” con cui si esporta un documento in formato .RTF che contiene le informazioni necessarie. Si precisa che sono compilati solo i campi i cui dati sono ricavabili automaticamente dalla modellazione e dal calcolo eseguito;
    • Introdotte nuove eccezioni: sono state introdotte nuove eccezione allo scopo di rendere più flessibile il calcolo. Le nuove eccezioni sono:
      - Verifica a Taglio per le pareti in cemento armato
      - Verifica di Rotazione alla Corda per elementi in cemento armato in analisi non lineare;
    • Creazione copie di Backup: ripristinato il corretto funzionamento della generazione delle copie di backup;
    • Barra degli strumenti: ripristinato il corretto funzionamento della creazione di toolbar degli oggetti.

    Novità di EdiLus-MU
    (le novità riguardano tutti i clienti che possiedono una combinazione di prodotti che include il programma EdiLus-MU)

    • Introdotte nuove eccezioni: sono state introdotte nuove eccezione allo scopo di rendere più flessibile il calcolo. Le nuove eccezioni sono:
      - Verifica Fasce in muratura
      - Verifica Sub Maschi;
    • Analisi non lineare: ottimizzato il calcolo push over per edifici con applicazione della gerarchia delle resistenze; alcune condizioni particolari potevano mandare il calcolo in blocco;
    • Creazione copie di Backup: ripristinato il corretto funzionamento della generazione delle copie di backup;
    • Barra degli strumenti: ripristinato il corretto funzionamento della creazione di toolbar degli oggetti.

    Soluzioni di acquisto

    Confronta le soluzioni

    EdiLus-CA LT

    Cemento Armato - Versione Light

    EdiLus-CA

    Cemento Armato

    EdiLus-CA+EdiLus-AC

    Cemento Armato+Acciaio

    EdiLus-CA+EdiLus-AC LT

    Cemento Armato+Acciaio

    L'acquisto del software prevede la sottoscrizione dell'abbonamento al servizio AmiCus per EdiLus.