Valutazione del Rischio Stress lavoro correlato

Valutazione del Rischio Stress lavoro-correlato

Software per la valutazione dei rischi

Valutazione del Rischio Stress lavoro-correlato con metodologia INAIL?
Prova gratis i software CerTus per la sicurezza!

Lo stress lavoro correlato è quello stato di malessere mentale o fisico che si manifesta quando le richieste dell'ambiente di lavoro superano le capacità del lavoratore di affrontarle o controllare

Agenzia Europea per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro
Con i software CerTus - senza moduli o costi aggiuntivi - hai tutto cio chè ti serve per una corretta valutazione dei rischio stress lavoro-correlato nella gestione della sicurezza sui luoghi di lavoro:

Valutazione del rischio stress lavoro-correlato

Quadro normativo di riferimento

L’attuale quadro normativo di tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, costituito dal D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81[1], ha specificamente individuato lo "stress lavoro-correlato" come uno dei rischi oggetto, sia di valutazione, secondo i contenuti dell’Accordo quadro europeo dell’8 ottobre 2004[2] e dell'Accordo interconfederale del 9 giugno 2008[3], puntualmente richiamato dal decreto stesso, sia di una conseguente adeguata gestione dello stesso.
Inoltre, ha demandato alla Commissione Consultiva permanente per la salute e la sicurezza del lavoro il compito di "elaborare le indicazioni necessarie alla valutazione del rischio stress lavoro-correlato", successivamente emanate con Circolare MLPS il 18 novembre 2010[4] sotto forma di un "percorso metodologico che rappresenta il livello minimo di attuazione dell’obbligo".

[1] D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, "Attuazione dell'art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro".
[2] Accordo quadro europeo sullo stress lavoro-correlato, stipulato a Bruxelles l' 8 ottobre 2004;
[3] Accordo interconfederale per il recepimento dell'accordo quadro europeo sullo stress lavoro-correlato, firmato il 9 giugno 2008;
[4] Circolare MLPS 18 novembre 2010 (Prot. 15/SEGR/0023692) recante "Approvazione delle indicazioni necessarie alla valutazione del rischio stress lavoro-correlato di cui all'art. 28, comma 1-bis, del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, e s.m.i." da parte della Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro.

Metodologie per la valutazione del rischio stress lavoro-correlato

Il percorso metodologico adottato per la valutazione del rischio stress lavoro-correlato, conforme a quanto previsto dall'art. 28 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i., è quello riportato nel Manuale INAIL[5] "Valutazione e gestione del rischio da Stress lavoro-correlato" frutto dell'attività di ricerca iniziata nel Dipartimento di Medicina del Lavoro dell'ISPESL (ora INAIL - Settore Tecnico-Scientifico e Ricerca) e conclusa in INAIL dopo l'entrata in vigore del D.L 78/2010 e sua conversione in L. 122/2010.
In particolare, a seguito dell'emanazione delle indicazioni della Commissione Consultiva, anche al fine di fornire ai datori di lavoro di una procedura unica, il metodo di seguito proposto è stato contestualizzato anche attraverso l'integrazione dei punti di forza di autorevoli proposte metodologiche sviluppate nei mesi precedenti all'emanazione delle suddette indicazioni, in particolare quelle del "Coordinamento Tecnico Interregionale della Prevenzione nei Luoghi di Lavoro" e del "Network Nazionale per la Prevenzione Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro".

[5] Manuale INAIL sulla "Valutazione e gestione del rischio da Stress lavoro-correlato" (Edizione 2011) ad uso delle aziende in attuazione del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.

Metodologia INAIL per la valutazione preliminare

La metodologia INAIL per la valutazione preliminare dello stress lavoro-correlato suggerisce che per l’intero processo di valutazione del rischio stress lavoro-correlato, il Datore di Lavoro, che ha l'obbligo non delegabile della valutazione dei rischi, si avvalga della collaborazione del RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione), del Medico competente, del RLS (Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza), e delle altre figure interne all'impresa (direttore del personale, qualche lavoratore anziano/esperto, ecc.) od esterne, ove se ne ravvisi la necessità (es. psicologo, sociologo del lavoro).
La fase preliminare prevede l'utilizzo di una lista di controllo (check list) di indicatori verificabili con approccio costituito sostanzialmente da due momenti:
  1. l'analisi di "eventi sentinella" (indici infortunistici, assenze per malattia, turnover, procedimenti e sanzioni, segnalazioni del medico competente, specifiche e frequenti lamentele formalizzate da parte dei lavoratori),
  2. l'analisi di indicatori di contenuto (ambiente di lavoro e attrezzature, carichi e ritmi di lavoro, orario di lavoro e turni, corrispondenza tra le competenze dei lavoratori e i requisiti professionali richiesti),
  3. l'analisi di indicatori di contesto (ruolo nell'ambito dell'organizzazione, autonomia decisionale e controllo, conflitti interpersonali al lavoro, evoluzione e sviluppo di carriera; comunicazione.

Metodologia INAIL-HSE per la valutazione approfondita

La valutazione approfondita dello stress lavoro correlato va intrapresa qualora si rilevi l'inefficacia delle misure correttive adottate in fase preliminare. La metodologia INAIL-HSE si applica specificatamente "ai gruppi omogenei di lavoratori ai quali sono state rilevate le problematiche" e con modalità diverse in funzione della dimensione aziendale.
  • Per le aziende fino a cinque dipendenti, conformemente alle indicazioni della Commissione Consultiva è possibile identificare, è possibile procedere con un approccio di analisi partecipata secondo la modalità delle "riunioni".
  • Per le aziende superiori a cinque lavoratori è possibile procedere attraverso diversi strumenti quali "focus group" di valutazione/approfondimento o questionari "questionario-strumento indicatore" che analizza le sei dimensioni organizzative definite dal Modello Management Standards in perfetto accordo con le indicazioni della Commissione consultiva predetta.
Il "Questionario-strumento indicatore", è composto da 35 domande riguardanti le condizioni di lavoro ritenute potenziali cause di stress all'interno dell'azienda, che corrispondono alle sei dimensioni organizzative definite dal Modello Management Standards: Domanda, Controllo, Supporto, Relazioni, Ruolo, Cambiamento.

Relazione di valutazione del rischio stress lavoro-correlato

La relazione di valutazione del rischio stress lavoro-correlato è elaborata automaticamente in funzione dei dati di valutazione inseriti e contiene:
  • Spiegazioni dettagliate delle metodologie utilizzate,
  • Schemi riepilogativi e tabelle dei dati inseriti e dei risultati della valutazione a garanzia della ripetibilità del dato.
La relazionie di valutazione è:
  • personalizzabile a partire dal layout predefinito o impostando un proprio layout personalizzato,
  • elaborata mediante word processor integrato compatibile con Microsoft® Word®, OpenOffice® Writer®,
  • esportabile in formato RTF e PDF.

Assistenza, formazione e supporto software gratuito

ACCA è sempre al tuo fianco e ti supporta nell'uso del software, nell'apprendimento e nel tuo lavoro quotidiano. I programmi ACCA conoscono veramente i tuoi problemi di tecnico e li risolvono in maniera brillante e professionale, si interfacciano seguendo la tua logica, le tue idee, il tuo progetto, senza entrare in meccanismi complessi e perversi. Puoi usarli da subito, senza lunghi periodi di formazione, con la tranquillità di poterti avvalere in qualsiasi momento di un servizio di supporto continuo e gratuito... dal primo giorno, sempre a tua disposizione!

Tutte le valutazioni dei rischi... in un solo software!

Con tutti i software della soluzione CerTus per la sicurezza cantieri o luoghi di lavoro effettui tutte le valutazioni dei rischi con metodologie e studi riconosciuti dalla normativa, senza l'acquisto di moduli o altre spese accessorie.

Ecco tutte le metodologie adottate per la valutazione dei rischi! 
Stress Lavoro Correlato Rischio
Stress lavoro correlato
Rischio Rumore Rischio
Rumore
Rischio Vibrazioni Rischio
Vibrazioni
Agenti chimici Rischio
Chimico
Incendio Rischio
Incendio
Movimentazione Manuale dei Carichi Rischio
Movimentazione manuale dei carichi (MMC)
Agenti cancerogeni e mutageni Rischio
Cancerogeno e mutageno
Amianto Rischio
Amianto
Posture incongrue Rischio
Posture incongrue
Agenti biologici Rischio
Biologico
ROA (laser)
Rischio
Radiazioni ottiche artificali (ROA)
Radiazioni Ottiche Naturali Rischio
Radiazioni ottiche naturali (RON)
Microclima Freddo Severo Rischio
Microclima freddo severo
Microclima Caldo Severo Rischio
Microclima caldo severo
Scariche atmosferiche Rischio
Scariche atmosferiche
Videoterminale Rischio
Videoterminali (VDT)
Atmosfere esplosive (ATEX) Rischio
Atmosfere esplosive (ATEX)
Campi Elettromagnetici Rischio
Campi elettromagnetici (CEM)

Sicurezza Cantieri

Software Sicurezza Cantieri - CerTus

CerTus

Sicurezza Cantieri

Provalo gratis

Acquistalo
a partire da -
maggiori informazioni

Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

DVR  standardizzato - CerTus-PS

CerTus-PS

DVR standardizzato
Provalo gratis

Acquistalo
a partire da -
maggiori informazioni
DVR, DUVRI, PEE - CerTus-LdL

CerTus-LdL

DVR, DUVRI, PEE
Provalo gratis

Acquistalo
a partire da -
maggiori informazioni

Tabella comparativa

Valutazione dei Rischi CerTus POS CerTus PSC CerTus CerTus-PS CerTus-LdL

Rischio Stress lavoro-correlato
- valutazione preliminare
- valutazione approfondita

     

Rischio Rumore

Rischio Vibrazioni

Rischio Movimentazione manuale dei carichi (MMC)
- azioni di sollevamento e trasporto
- azioni di spinta e traino
- piccoli carichi ad alta frequenza

Rischio Posture incongrue

     

Rischio Chimico
- salute
- sicurezza

Rischio Biologico

Rischio Cancerogeno e Mutageno

Rischio Amianto
- manutenzione, rimozione, smaltimento e trattamento
- esposizione sporadica e debole intensità (ESEDI)

Rischio Incendio (attività non normate)

Rischio Atmosfere esplosive (ATEX)
- metodologia TUSL
- metodologia INAIL

     

Rischio Scariche atmosferiche

Rischio Radiazioni ottiche artificiali (ROA)
- operazioni di saldatura
- laser
- non coerente

Rischio Radiazioni ottiche naturali (RON)

Rischio Campi elettromagnetici (CEM)

Rischio Microclima
- caldo severo
- freddo severo

Rischio Videoterminali (VDT)